Categoria: Event Planner Blog

Il mondo degli Eventi e’ pronto a ripartire… in tutto il mondo!

Il mondo degli Eventi e’ pronto a ripartire… in tutto il mondo!

Beijing

Mentre la Cina è stato il primo paese colpito dal COVID-19, è anche uno dei primi paesi a riaprire quest’anno. La grande riapertura di Disneyland a Shanghai l’11 maggio significa che il paese si sta avvicinando alla preparazione per ospitare eventi più grandi, anche se i viaggi internazionali sono ancora limitati. L’apertura dell’aeroporto internazionale più grande del mondo, l’aeroporto internazionale di Pechino Daxing (PKX), lo scorso settembre non può che contribuire a consolidare la posizione di Pechino come destinazione di eventi internazionali.

 

Berlin

Berlino continua ad essere una delle più grandi città congressuali del mondo. Nel Rapporto statistico ICCA 2018, Berlino si è classificata quinta a livello globale per numero di riunioni tenute. Anche se la città è stata colpita tanto quanto il resto del mondo da COVID-19, con la maggior parte dei negozi, ristoranti e alberghi chiusi in marzo e aprile, stanno cominciando a riaprire. VisitBerlin riferisce che i negozi sono stati autorizzati ad aprire il 9 maggio. I Ristoranti hanno riaperto il 15 maggio; alberghi e pensioni il 25 maggio. Tuttavia, gli eventi di oltre 1.000 persone saranno vietati fino al 31 agosto, e quelli con più di 5.000 persone non saranno ammessi fino al 24 ottobre.

Brussels

Rispetto al 23o posto del rapporto 2016 dell’ICCA, Bruxelles si è classificata al 17o posto per numero di eventi nel 2018. Per promuovere una ripresa rapida e sostenibile dalla crisi COVID-19, VisitBrussels si è unita a una task force regionale creata in marzo che valuterà le conseguenze socioeconomiche del COVID-19 e continuerà a monitorare gli effetti del virus. Inoltre, sono stati istituiti cinque gruppi di lavoro per consentire ai membri della task force di condividere idee sul modo migliore per il futuro, e uno di questi gruppi si concentrerà sulla Meeting Industry.

Buenos Aires

Descritta come “la più importante capitale culturale del Sud America” dal Buenos Aires Convention and Visitors Bureau, gli ultimi anni hanno visto la città diventare una delle più importanti e più grandi città congressuali. I suoi 133 importanti incontri nel 2018 hanno collocato la città all’undicesimo posto nella classifica ICCA. Nella sua risposta al COVID-19, il governo ha fermato tutti i voli commerciali fino a settembre, il più duro divieto di viaggio nelle Americhe. Ciò significa che le riunioni e le conferenze in Argentina non riprenderanno fino ad allora.

Copenhagen

In Danimarca è stato applicato un divieto di viaggio rigoroso, che vieta tutti i viaggi non essenziali da e verso il paese. A partire dal 27 giugno la Danimarca ha aperto le proprie frontiere, anche per scopi turistici, nei confronti dell’Italia e degli altri Paesi dell’Unione Europea ed Area Schengen. I raduni più grandi non saranno ammessi fino ad agosto. A parte la recente pandemia, Copenaghen è una città fiorente per turisti e professionisti. Classificata la città numero 1 al mondo da Lonely Planet da visitare nel 2019, è considerata una delle migliori città d’Europa per conferenze, incentives e viaggi. È anche sulla buona strada per essere carbon neutral entro il 2025 e rimane un hub globale di sostenibilità.

Istanbul

Se il numero di nuovi hotel che aprono è una indicazione, Istanbul,  la città più grande della Turchia,  rimane una delle migliori città del mondo per le conferenze. Da Hagia Sofia Mansions, Curio Collection di Hilton, che ha aperto nel mese di ottobre 2019, a JW Marriot Istanbul Bosphorous, la città è destinata a guadagnare più di 1.000 nuove camere d’albergo di lusso nel breve termine. La penisola di Istanbul, che aprirà quest’anno, fa parte del progetto Galataport della città, che porterà un nuovo porto per navi da crociera e hotel di lusso nel quartiere Karakoy. Quando le crociere riprenderanno, Istanbul sarà pronta con un nuovo terminal, ristoranti, negozi e lungomare per accogliere turisti e professionisti.

Paris

Parigi è rimasta la più grande città congressuale del mondo e in cima alla lista di ICCA nel 2018, battendo il suo record 2016 di 196 incontri con 212 nel 2018. Questa popolarità si riflette nel numero di nuovi hotel di lusso in città. Hotel du Louvre, parte della hyatt Collection, inaugurato nel 2019 con arredamento classico francese, mentre Bulgari Hotels è impostato per aprire una nuova proprietà quest’anno con 76 camere e una gamma completa di servizi di lusso. Il sito di Paris CVB afferma che tutti i ristoranti, le attività culturali, i negozi, i luoghi sportivi sono chiusi e tutti i prossimi eventi sono stati annullati. Essi forniscono un elenco completo di eventi specifici e conferenze che sono stati rinviati qui.

Madrid

Madrid è attuata in cima alle classifiche di destinazione degli incontri dal 2017. La città ha vinto il World’s Best Meetings & Conference Destination Award ai World Travel Awards 2019 ed è terza nella lista 2018 dell’ICCA. Questa crescente popolarità come destinazione di incontri internazionali di alto livello si riflette in un aumento degli hotel di lusso in città. Il Four Seasons Canalejas aprirà nel cuore di Madrid quest’anno, mentre il Ritz, Madrid (costruito nel 1910) dovrebbe riaprire quest’estate come Mandarin Oriental Ritz, Madrid dopo un’ampia ristrutturazione. Anche se il paese ha iniziato ad allentare le sue restrizioni relative al COVID-19, conferenze ed eventi rimarranno annullati o rinviati per mesi a venire.

London

Un centro culturale, non sorprende che Londra sia rimasta in cima alla lista 2018 dell’ICCA, con 150 incontri ospitati. La città è stata occupata ad aggiungere locali e camere d’albergo. Illuminate al Museo della Scienza aperto all’inizio del 2019 e stupito con una vista mozzafiato. La fine del 2019 ha visto l’apertura di 24.000 metri quadrati di  spazio per eventi Magazine London, il più grande del suo genere in città, con una capacità all’aperto di 7.000 persone. Per un’atmosfera più regale e storica, la Royal Academy of Arts ha anche aperto le sue porte agli eventi dello scorso anno. Mentre gli hotel e gli spazi per eventi sono chiusi ai visitatori della capitale inglese per le misure di isolamento sociale, molti hanno offerto il loro spazio per aiutare il Servizio Sanitario Nazionale in questo momento difficile.

Seoul

Il Convention Bureau di Seoul si è impegnato a ripartire da COVID-19 e ha lanciato 2020 Plus Seoul, un programma per concentrarsi su un piano di risposta e recupero per l’industria MICE della città. Il Seoul MICE Support Center è stato istituito anche nel mese di febbraio per le persone colpite da chiusure pandemiche. Mentre i 122 incontri di Seul nel 2018 hanno messo la città al 17o posto nella classifica ICCA, Seoul è riuscita a mantenere la sua posizione come migliore città MICE per cinque anni consecutivi dai Glove Traveler Awards. Inoltre, l’Economist Intelligence Unit ha nominato Seoul l’ottava città più sicura al mondo in “The Safe Cities Index 2019”. A partire dal 2019 la città dispone di 58.588 camere in 444 hotel.

Singapore

Come gran parte del mondo, Singapore ha risposto al COVID-19 con un blocco della maggior parte delle industrie. Tuttavia, molte conferenze che si terranno nella città-stato quest’estate non sono ancora state annullate. CAREhab 2020 è ancora previsto per il 17-18 luglio e Digital Travel APAC è impostato per il 8-10 dicembre. Questo pone Singapore come uno dei pochi luoghi con eventi in programma in luglio . Oltre al suo obiettivo di tenere in essere gli eventi quest’anno, la città ha aperto diversi nuovi hotel, tra cui la nuova Citadines Balestier Singapore di Ascott, Dusit Thani Laguna Singapore e Fraser Residence Orchard, Singapore. Anche il Raffles Singapore ha riaperto nell’ottobre 2019 dopo un attento restauro. L’hotel con i suoi 133 anni di vita è stato dichiarato monumento nazionale nel 1987 e offre un soggiorno iconico e lussuoso.

Sydney

Nonostante abbia chiuso i suoi confini e seguito rifgorosamente le linee guida dell’OMS sull’isolamento sociale, le’apertura di nuovi ristoranti a  Sydney non ha rallentato nel 2020. L’inizio dell’anno ha accolto diversi nuovi ristoranti, panetterie e bar. Inoltre, la città è salita  quando la classifica 2018 ICCA l’ha collocata al 25o posto, in aumento rispetto al 41o posto del 2016. Questo aumento degli incontri internazionali dimostra che gli sforzi della città per sostenere l’industria MICE in Australia hanno dato i loro frutti. Uno di questi effetti è stata l’attrazione dei marchi alberghieri di lusso.  W Sydney e The Ritz-Carlton saranno entrambi aperti nel 2020.

Tokyo

Anche se tutti gli eventi sono stati cancellati o rinviati a Tokyo per il momento, la città è stata preparata per diventare una delle principali città congressuali del mondo. Passando dal 21 esimo nel 2016 al 13o posto nella classifica ICCA 2018, la città più popolata del mondo sta facendo spazio al settore MICE. Anche se la cancellazione delle Olimpiadi estive del 2020 (fino al 2021) è stata tragica per la città, la preparazione per le Olimpiadi ha portato molte nuove infrastrutture . Dalla ristrutturazione dei siti del patrimonio culturale alla garanzia del trasporto regolare e alla ricostruzione dello Stadio Olimpico Nazionale, la città ha davvero lavorato duramente per andare avanti

Vancouver

Anche se è piccola, Vancouver è dnota per la sua qualità come destinazione per eventi. È salita dal 55o posto nella lista ICCA 2016 al 48esimo nel 2018. L’apertura di Opus Vancouver e EXchange Hotel Vancouver nel 2019 segna un aumento degli hotel di lusso nella zona. EXchange si trova nel vecchio edificio della Borsa della città e ha mantenuto il suo carattere iconico, creando 202 lussuose camere nel cuore del settore finanziario. I confini del Canada rimangono chiusi a tutti, eccetto ai cittadini e ai residenti permanenti per contribuire a rallentare la diffusione del COVID-19.

 

Vienna

Second top destinazione per eventi secondo ICCA 2018 e vincitore dello Smart City Index 2019, del Mercer Quality of Living 2019 e dell’EIU Global Liveability Index 2018, non sorprende che gli molti event planners scelgano Vienna come destinazioe. Quest’anno, la città è stata anche dichiarata la città più verde del mondo . Gli eventi fino a giugno saranno annullati a causa del COVID-19, dopo di che saranno consentiti piccoli eventi. I grandi eventi dovrebbero riprendere a settembre. Diversi nuovi hotel, tra cui l’Almanac Vienna, andaz Vienna am Belvedere e Rosewood Vienna, saranno aperti a breve.

Disneyland Paris riapre il 15 luglio. Ingressi contingentati e niente parate

Disneyland Paris riapre il 15 luglio. Ingressi contingentati e niente parate

Il 15 luglio Disneyland Paris riapre i propri cancelli, rimasti chiusi dall’inizio del lockdown, che ha rappresentato la prima vera chiusura del parco, che dall’apertura avvenuta nel 1992 era sempre rimasto in attività 365 giorni all’anno, fatta eccezione per quella di pochi giorni decisa per motivi di sicurezza la notte del 13 novembre 2015, quella del Bataclan e dello Stade de France, quando Parigi finì sotto attacco da parte di terroristi dell’Isis. L’annuncio è stato dato oggi dalla presidente Natacha Rafalsky. Il 18 giugno ha riaperto anche il parco Disneyland di Hong Kong e l’11 maggio era toccato a quello di Shanghai, il primo a lasciarsi alle spalle l’emergenza. I parchi americani di Orlando in Florida e Anaheim in California riapriranno invece l’11 luglio.

La riapertura ovviamente comporterà un drastico cambio nell’organizzazione del programma e nelle modalità di accesso. Le misure di sicurezza sono state rafforzate. Gli ingressi giornalieri saranno contingentati, con una prenotazione obbligatoriache consentirà di monitorare il flusso degli ospiti. Dovranno prenotare anche coloro che hanno biglietti a data a parta o pass stagionali, mentre saranno garantiti gli ingressi per chi ha già acquistato biglietti a data fissa. Anche il governo francese ha chiesto il mantenimento di forme di distanziamento sociale e questo significherà per forza di cose che alcune delle esperienze più significative della giornata ai parchi, come la parata delle Disney Stars o lo spettacolo serale Disney Illuminations sotto il castello della Bella Addormentata sono al momento sospesi. Nel corso della stagione estiva dovrebbero però ritornare gli spettacoli teatrali: il musical del Re Leone e il Libro della Giungla Live. I personaggi della banda Disney non potranno essere più incontrati per le strade del Parco, dove abitualmente erano presi d’assalto dai ragazzini in cerca di selfie e autografi, ma si potranno avvicinare in appositi spazi regolamentati. Sarà anche sospeso il fast pass, il meccanismo che consentiva di saltare le file su alcune attrazioni, perché le file stesse saranno gestite in forma diversa per consentire il rispetto delle norme. Infine, tutti quanti, cast member e visitatori (quelli con più di 11 anni) dovranno indossare la mascherina durante la permanenza.

La bozza del Dpcm smentisce le Regioni e rinvia al 15 luglio la riapertura dei congressi

La bozza del Dpcm smentisce le Regioni e rinvia al 15 luglio la riapertura dei congressi

Rinvio per l’apertura dei congressi e delle fiere: è quello che si legge nella bozza del Dpcm che rinvia di un mese la ripartenza, che sembrava invece poter avvenire già lunedì prossimo.

Nella prima stesura del decreto che sarà valido a partire dal 15 giugno si legge infatti che “restano sospese sino al 14 luglio 2020 le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimiliati, all’aperto e al chiuso, le fiere e i congressi”. 

Se si conferma questa versione del provvedimento, è plausibile dunque pensare che si possano considerare confermati gli eventi almeno nella seconda metà dell’anno.

Per ora dunque, la bozza smentisce quella che era stata la notizia diffusa dopo l’approvazione delle linee guida per le riaperture della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, che era arrivata martedì 9 giugno. Tra le riaperture, come è noto, c’erano anche le attività congressuali e i grandi eventi fieristici. 

Tra gli stop anche quello per i viaggi all’estero che restano vietati fino al 30 giugno “da e per Stato e territori diversi da Unione Europea e Gran Bretagna, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute”.

Infine, anche per le attività consentite dal 15 giugno, come cinema e teatri, “svolti con posti a sedere preassegnati e distanziati e a condizione che sia comunque assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno 1 metro sia per il personale, sia per gli spettarori che non siano abtualmente conviventi con il numero massimo di 1000 spettatori per spettacoli all’aperto e di 200 spettatori per spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala” vale la regola che ripartano “a condizione che le Regioni e le province autonome abbiano preventivamente accertato la compatibilità dello svolgimento delle attività con l’andamento della situazione epidiemologica”.

Linee Guida per la riapertura di meetings ed  eventi

Linee Guida per la riapertura di meetings ed eventi

🏟 Linee guida per la riapertura: previste regole anche per la ripartenza del settore ricreativo.
“Ampliate e integrate per rimettere velocemente in moto il 🇮🇹 Paese, senza abbassare la guardia” ha spiegato il Presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini. Un passo in più verso la gestione di questa nuova fase, guardando al futuro con ottimismo, rispettando le regole indispensabili per la prevenzione.
Cittadini, imprese, parti sociali e istituzioni: ciascuno è chiamato a fare la propria parte. Ma sono convinto che insieme possiamo farcela”.

📇 Leggi il comunicato stampa: http://www.regioni.it/…/emergenza-covid-19-ampliate-e-inte…/

ℹ️ Consulta la versione aggiornata delle “Linee Guida per la riapertura delle attività economiche, produttive e ricreative” sul sito : http://www.regioni.it/download/conferenze/614112/

TUM18 in Numbers

TUM18 in Numbers

#TUM18 in Numbers:

350 delegates from all over the world

50 Faculty members

21 Invited surgeons for the Live Surgery

22 surgical procedures 4 Operating Rooms

3 Da Vinci®️ Systems

30 Staff members

Thank You and See You at #TUM19 ❤️

Courtesy Cars: Erre Esse S.p.A. – Centri Porsche Coffee Break: LAVAZZA Platinum Sponsors: MultiMed  ab medica  KARL STORZ  Organizing Secretariat: FEDRA CONGRESSI

 
Event Planner or Event manager?

Event Planner or Event manager?

The event planning industry is host to numerous job titles and job descriptions. Event planner. Meeting Planner. Event Coordinator. Convention Planner. Event manager. The list seems endless. As the industry grows, so does the list of job functions. While job growth is always a good thing, the range of event planning job functions and event management job titles can be confusing to those starting out in the industry.

It is equally frustrating for seasoned professionals faced with clients who misunderstand the services offered.

“Event management” and “event planning” are frequently tossed around interchangeably even though they are two very different things. Quite simply, planning and managing are not the same. While the skill sets of these two functions do overlap, they are two distinct functions. It creates problems for those dealing with clients who mistakenly think they need an event manager when what they need is an event planner. And for those clients who are under the impression that all event managers also handle event planning. So let’s clear up the confusion because it is important that you and your clients have the same understanding.

Event Planning

Let’s start with event planning. The key operative word here is planning. All events – from bridal showers to milestone birthday celebrations to big corporate gatherings – begin with a plan of some sort.

The initial discussions with clients regarding event ideas, themes, desirable dates and budget guidelines are all part of the event planning process.

Event planning starts at the beginning, from the very early stages of concept and continues all the way until the actual event takes place. And, honestly, for a few weeks after the event as event planners wrap up details and handle follow-up items.

Event planning involves working closely with the client to design an event that reflects the client’s vision of the gathering and meets the event’s objective. Clients who hire an event planner hire someone to plan all aspects of the event, including the related details and action items, and to see that event through until its completion.

Event planning responsibilities can include but are not limited to:

  • selecting an overall theme for the event
  • developing a budget
  • selecting a venue
  • negotiating hotel contracts
  • hiring outside vendors
  • planning the menu
  • hiring a caterer
  • arranging for guest speakers or entertainment
  • coordinating transportation
  • choosing the color scheme
  • developing invitations

Event planning is everything that goes into putting together an event. This function falls under the larger umbrella of event management.

Event Management

Every type of event is made up of numerous parts that fit together like pieces of a puzzle. All of those pieces ultimately come together to create an event. Successful events have all of those related pieces coming together at the right time and the right place, smoothly and efficiently and according to plan. This process is called event management. It is, in simple terms, project management of the event itself.

Event management involves creating, coordinating and managing all the different components of an event as well as the teams of people responsible for each aspect. Some aspects of event management may include but are not limited to:

  • reserving a location for an event
  • coordinating outside vendors
  • developing a parking plan
  • designing emergency contingency plans
  • ensuring compliance with health and safety standards
  • managing staff responsible for each function
  • overseeing execution of an event
  • monitoring of the event
  • resolving event situations on site

Event Managers and Event Planners Work Together

Defining these two functions is challenging because, not only are they closely related, the responsibilities often overlap. Individual event planners may offer event management services, and event managers may also offer event planning.

It all depends on the individual planner or corporate event management team, the venue, and the event itself.

It is important to understand the differences between the two and to determine which services you will provide. For example; If you offer event planning services for a large-scale event, you will work with an event manager who will coordinate your services with those of the catering manager, the audiovisual team, etc. Define your role and the services you will provide and clearly communicate these to prospective clients to avoid any confusion during the planning process.